Il World Wide Web

Il World Wide Web

Che cosa vuol dire www? Che cosa vuol dire web?

In pratica www e web sono la stessa cosa.

www sta per world wide web e web è un modo più rapido per dire www.
Ma cos’è il world wide web? Letteralmente significa ragnatela mondiale, perché world significa mondo, wide significa su scala e web significa ragnatela. Questo però non ci spiega che cos’è.

Prima di tutto chiariamo che cosa il world wide web non è.  Il world wide web non è internet.

Internet (inter = interconnected e net = rete, quindi rete interconnessa) è nata prima del web, quando le università, inizialmente negli Stati Uniti e poi più tardi in tutto il mondo, hanno iniziato a connettere i loro computer tra loro per scambiarsi dati o inviare file.

Potevano anche inviarsi messaggi con vari sistemi per messaggiarsi, sistemi che poi gradualmente sono diventati quelle che oggi conosciamo come email.

A parte questo scambio di dati e messaggi non c’era tanto altro da fare su internet a quei tempi, perché non esistevano Google, YouTube, Twitter … e non c’erano neanche siti internet, perché la tecnologia per crearli non era ancora stata inventata.

Tutto cambia nel 1990 quando Tim Berners-Lee, un signore inglese che lavorava alla CERN (L’Organizzazione Europea per la Ricerca Nucleare) in Svizzera propose di introdurre un sistema che permetteva agli scienziati di comunicare più efficacemente tra loro. Era il sistema con il quale sarebbe stato possibile creare siti web, cioè pagine di informazioni che potevano essere lasciate online affinché tutti potessero usufruirne quando volevano, e non sarebbe stato utile solo alla CERN, ma poteva essere usato in tutto il mondo, per questo il signor Berners-Lee gli diede il nome di world wide web.

A dicembre del 1990 Tim Berners-Lee mise il suo primo sito su internet e in brevissimo tempo tantissimi siti furono creati in tutto il mondo.

Le compagnie gigantesche che abbiamo oggi, come Google e Facebook devono la loro esistenza al world wide web.

 

Fonte:  www.brickster.it

Leave a Reply